Boom nella vendita di impianti BE TOWER in Argentina

Nell’anno solare 2016 circa il 50% del valore delle importazioni di impianti per conglomerati bituminosi in Argentina è stato fornito da MARINI Italia.
Sono stati venduti 13 impianti di cui 11 di tipo discontinuo trasportabile, principalmente BE TOWER da 120-160 t/h, (modello lanciato sul mercato a ottobre 2015) e 2 impianti mobili XPRESS da 200 t/h. A questo si aggiungono alcuni interventi di retrofit per circa ulteriori 2 mln euro.

Be Tower: le ragioni del successo

Le ragioni di questo successo sono molteplici e derivano dalla tecnologia del prodotto, dall’assistenza locale ed anche da un legame particolare che da sempre lega l’Argentina e l’Italia. Non dimentichiamo che circa la metà della popolazione ha origini italiane.
Il prodotto che ha consentito questo boom di vendite è il BE TOWER, scelto sia per cantieri nel centro delle città per le sue caratteristiche di compattezza (city plant), che per cantieri dove era richiesta mobilità e rapidità di spostamento. L’impianto è montato su basi metalliche e ciò consente una preparazione veloce del cantiere senza fondazioni in calcestruzzo. La modularità dell’impianto che è pre-assemblato e pre-cablato in fabbrica permette di montarlo e collaudarlo in meno di un mese (prima installazione) ed in meno di 2 settimane le volte successive. Non solo, il BE TOWER è di facile utilizzo e manutenzione.

Tutti questi aspetti lo rendono particolarmente interessante per l’imprenditore e per l’operatore che svolge il suo lavoro di totale sicurezza.

CaYSi e Marini, lavoro di squadra

Un altro fattore determinante è stata la presenza di un agente, CaYSi la cui sede è sita a Oro Verde Entre Rios. CaYSi garantisce assistenza tecnica in tutta l’Argentina con un elevato grado di competenza (team di 8 persone di cui 4 ingegneri), rapidità nel fornire risposte, soluzioni e parti di ricambio. La squadra di CaYSi si occupa dei montaggi di tutti gli impianti Marini.
Occorre sottolineare che il personale CaYSi ha effettuato diversi corsi di formazione, sia nel training center Marini che in cantiere insieme ai tecnici italiani.

 

Un aneddoto interessante di Dario Schvindt, gerente di CaYSi: “Durante una fiera a Rosario, ho incontrato una giornalista, a cui ho presentato la gamma Marini. Ho spiegato con soddisfazione quanto le vendite fossero aumentate in Argentina, grazie anche alla ripresa economica ed alle grandi opere rilanciate dal Governo. Solo in seguito ho scoperto che la giornalista era dell’ufficio stampa del Ministro dei trasporti che ha postato il nostro incontro su Instagram”.