Impianto conglomerati Bituminosi Nigeria

Impianti per conglomerati: cresce il livello tecnico in Nigeria

S.B.I. Ltd è una realtà specializzata in progetti di ingegneria civile e grandi infrastrutture. A livello mondiale è coinvolto in un’ampia gamma progetti di costruzione, compresi i lavori pubblici su strade, autostrade e ponti. L’azienda ha una lunga storia di collaborazione in Nigeria e l’anno scorso si è aggiudicata un importante contratto per ricostruire e ampliare la strada statale che collega la città di Lagos a Ibadan.


Questo nuovo importante progetto prevede l’ampliamento della strada, la ricostruzione completa del tratto Ibadan-Shagamu, il ripristino in sicurezza e il mantenimento dei 14 viadotti e ponti, oltre ad un progetto per il drenaggio delle acque piovane. È un progetto estremamente interessante in quanto l’autostrada in oggetto è un’arteria che regge un enorme volume di traffico. Per questo il lavoro di ampliamento riveste grande importanza per le migliaia di persone che transitano quotidianamente su quella tratta autostradale.
Con i suoi 8 impianti per la produzione di conglomerati bituminosi, il nostro cliente era già adeguatamente strutturato in Nigeria, ma per questo grande progetto ha deciso di acquistare un nuovo impianto per la produzione di conglomerati bituminosi di elevato livello tecnico capace di raggiungere le 200 tonnellate/ora di produzione e, soprattutto, dotato della tecnologia necessaria ad utilizzare il RAP (asfalto riciclato). Tecnologia consolidata in Europa ma che rappresenta una vera e propria novità per la Nigeria.
Il team tecnico del cliente incaricato di selezionare l’impianto per il progetto ha analizzato con attenzione tutte le opportunità offerte dal mercato prima di scegliere l’impianto MARINI modello Top Tower 3000. Grazie a questa scelta, già oggi il nostro cliente ha la possibilità di ottimizzare i costi di produzione del conglomerato grazie all’impiego di RAP, riservandosi la possibilità, qualora dovesse essercene in futuro bisogno, di aggiornare l’impianto con altre moderne tecnologie, poiché la gamma Top Tower nasce di serie predisposta per l’up-grading con tutte le nuove tecnologie.
Ecco alcune delle caratteristiche che hanno reso MARINI una scelta vincente: il bruciatore funziona sia a gasolio che a olio combustibile, ma non appena il gas sarà disponibile, il bruciatore potrà funzionare senza alcune modifiche anche a gas metano. L’impianto è già fornito con un sistema per il dosaggio degli additivi in fibra, ma può essere facilmente aggiornato con l’aggiunta del kit per il dosaggio degli additivi liquidi. Anche il silo di stoccaggio dei prodotti finiti è moderno: dotato di 2 scomparti, ma può essere facilmente portato a 4.
Impianto per bitume modificato
Particolare attenzione è stata rivolta al parco bitume: nelle sue specifiche di lavoro, SBI deve utilizzare bitumi standard, ma anche modificati, e non è sempre facile reperire in Nigeria la giusta qualità di bitume nel momento in cui serve maggiormente; per questo motivo si è deciso di integrare l’impianto con un sistema per la produzione di bitume modificato. Grazie a questo impianto è possibile preparare la giusta quantità di bitume modificato solo nel momento in cui è richiesta per la produzione di conglomerati di alta qualità.
Il parco leganti è composto da 11 cisterne e 2 caldaie; in questo modo, sono stati evitati problemi di produzione a causa della mancanza di bitume.
Le possibilità offerte dal RAP sono state oggetto di una approfondita analisi, che ha spinto il cliente ad optare per una linea di alimentazione per il riciclato a freddo nel mescolatore. Questo poiché si è preferito non rinunciare alla qualità garantita dalla vagliatura degli inerti, non disponendo in Nigeria di sufficienti garanzie sul controllo e la qualità degli aggregati.
Il materiale fresato, suddiviso in due selezioni distinte, può facilmente raggiungere un 25-30% di impiego. L’impianto risulta infatti equipaggiato con due predosatori dedicati al fresato, un nastro di alimentazione dedicato, un elevatore e un nastrino di pesatura per mantenere alto il controllo sulla curva granulometrica.
L’essiccatore è già dotato di anello di riciclaggio perché SBI ha espressamente richiesto a MARINI la possibilità di implementare un’ulteriore linea per il riciclato in una fase successiva del progetto. Il cliente ha infatti in mente di raggiungere una percentuale del 45% di RAP in un secondo momento.

Michele ViroliSono molto orgoglioso del rapporto che lega SBI a Marini. Ogni progetto realizzato insieme negli ultimi 10 anni è stato un progetto di successo. Sono sicuro che anche in questo caso il risultato sarà estremamente soddisfacente come acceduto in tutte le altre occasioni. L’impianto è la nostra ammiraglia, il nostro top di gamma, il frutto dei nostri investimenti di ingegneria.Anche questo sarà un progetto di successo!
–Michele Viroli
MariniArea Sales Manager

Anche il servizio di assistenza MARINI ha giocato un ruolo chiave nella scelta del cliente. Soprattutto in Paesi così lontani, è molto importante avere un supporto affidabile e proattivo in modo da ridurre il più possibile i fermi-impianto.
“Sono molto orgoglioso del rapporto che lega SBI a Marini. Ogni progetto realizzato insieme negli ultimi 10 anni è stato un progetto di successo. Sono sicuro che anche in questo caso il risultato sarà estremamente soddisfacente come acceduto in tutte le altre occasioni. L’impianto è la nostra ammiraglia, il nostro top di gamma, il frutto dei nostri investimenti di ingegneria. Anche questo sarà un progetto di successo! ” ha affermato Michele Viroli, responsabile commerciale della MARINI, commentando l’inaugurazione dell’impianto.
Questo cantiere, che rappresenta il fiore all’occhiello degli impianti per conglomerati bituminosi della Nigeria fissa un nuovo standard per i cantieri di questo tipo, non solo un esempio per il Paese Africano, ma per l’intero mercato mondiale.

Vuoi saperne di più?

Se hai piacere di approfondire questi temi chiamaci al +39 0544 88111 oppure permetti a noi di ricontattarti compilando il form:

Il tuo nome (richiesto)

Azienda (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo telefono (richiesto)

Informazioni aggiuntive

Ai sensi del d.lgs. n. 196/2003 la informiamo che i dati personali che ha appena inserito saranno trattati nel pieno rispetto di tale legge. Selezionando "Acconsento" esprime il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali da parte di Marini - Fayat Group.