Think

Think 5E!

Think 5E!

I mercati cambiano, si razionalizzano e parallelamente la crisi economica stravolge i nostri comportamenti.
Il gruppo FAYAT distingue 5 linee direttrici:

Th!nk ESSENTIAL

Il ritorno ai fondamentali e/o la ricerca in primo luogo dei principi base, considerati ESSENZIALI. Queste macchine sono equipaggiate con tutti gli elementi tecnici necessari a tale funzione. Ne fanno parte anche i criteri di sicurezza, le norme sono rispettate, ma non tutte le opzioni ergonomiche e/o multifunzione fanno necessariamente parte dell’offerta. Il pacchetto aggiuntivo propone delle opzioni così dette di sicurezza, o ergonomiche, o ancore in funzione dell’area geografica e delle esigenze dell’utilizzatore. Questa tendenza, evidente nel settore dell’automobile, non deve essere confusa con un concetto detto “low cost”. D’altro canto, molte macchine recenti erano multifunzione ed una parte di clientela desidera delle macchine semplificate, concentrate sulla loro “vocazione iniziale”

Th!nk ERGONOMY

L’ERGONOMIA, la ricerca di un maggiore confort per l’utilizzatore, avanzate norme in materia di igiene e sicurezza, sono vantaggi determinanti, specialmente per i mercati maturi. FAYAT propone sistematicamente queste soluzioni su tutte le macchine. L’elettronica, l’automatismo, ma anche la gestione della manutenzione dei macchinari sono suscettibili di molte varianti. In Europa, un orientamento chiaro è dato da una Direttiva macchine (2006/42/EC) che tende ad armonizzare le norme relative all’igiene ed alla sicurezza. E’ completata da soluzioni dette “ di confort”, considerate spesso indispensabili

Th!nk ECOLOGY

L’ECOLOGIA, il rispetto dell’ambiente, la diminuzione delle emissioni di qualsiasi natura (sonore, di gas, etc.) è un fattore determinante, variabile secondo i paesi, ma comunque inevitabile. Le direttive sulle emissioni dei motori (2004/26/EC), anche sonore (2005/88/EC) influiscono notevolmente sulle evoluzioni dei macchinari, in particolare quelli dotati di motori nuovi, termici, ibridi ed anche elettrici che sono gestiti da sistemi a risparmio energetico tipo start and go o Ecomode.
L’ECODESIGN, ed in particolare la concezione del design e dell’impatto ambientale, fra cui il riciclaggio a fine vita, è definito da una ECODIRETTIVA (2005/32/EC).

Th!nk ECONOMY

La ricerca di soluzioni ECONOMICHE, strada obbligata per via della crisi, è un parametro fondamentale nel comportamento di chi decide, ma sempre legato ad uno degli altri parametri. Vi sono molte direttive per la progettazione di macchinari ad alto rendimento. Questa tendenza è vera sia per gli impianti che per le macchine.

Think EVOLUTION

Più che all’innovazione, oggi guardiamo all’ EVOLUZIONE. Ovviamente l’innovazione è indispensabile, ma le innovazioni importanti sono rare, abbiamo più macchine adattate ai tempi che evolvono anche in termini tecnici con i dispositivi disponibili e questo per un lungo periodo, per lo meno uguale alla durata della loro vita. Gli impianti moderni sono polivalenti, ossia producono vari materiali fra cui conglomerato a bassa energia, ma sono soprattutto “retrofittabili” , cioè possono essere “modernizzati”. Una macchina installata nel 2010 funzionerà nel 2030, con quale legante? A che temperatura e per quale prodotto? La nostra visibilità tecnica è più corta, il peso della legislazione ma anche gli aspetti economici cambiano e di conseguenza chi decide deve scegliere una opzione “EVOLUTIVA”.

Vuoi saperne di più?

Se hai piacere di approfondire questi temi chiamaci al +39 0544 88111 oppure permetti a noi di ricontattarti compilando il form:

Il tuo nome (richiesto)

Azienda (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo telefono (richiesto)

Informazioni aggiuntive

Ai sensi del d.lgs. n. 196/2003 la informiamo che i dati personali che ha appena inserito saranno trattati nel pieno rispetto di tale legge. Selezionando "Acconsento" esprime il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali da parte di Marini - Fayat Group.