Cemex - Shap

CEMEX: Un Top Tower per Shap

Il nuovo impianto di CEMEX offre vantaggi energetici e superficie di ingombro ridotta

Situata nella contea di West Lothian, la società scozzese Corrmac ha installato e collaudato un impianto MARINI alto di gamma – il TOP TOWER – presso la cava di CEMEX, Shap Blue Quarry, in Cumbria. Entrata recentemente in collaborazione esclusiva con il leader mondiale degli impianti per asfalto – MARINI, Cormac, nota per la produzione di cisterne stoccaggio bitume elettriche ad alto rendimento, si è interamente occupata del montaggio. L’impianto raggiunge una produzione annua di 100.000 ton, utilizzando gli aggregati provenienti dalla cava adiacente. Progettato per lavorare 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, grazie al nuovo impianto CEMEX sarà in grado di soddisfare i cantieri operanti nelle ore notturne, per evitare interruzioni al traffico giornaliero. L’ente autorizzativo ha imposto a CEMEX severe restrizioni ambientali, per minimizzare le emissioni di CO e prevenire la contaminazione da polveri o detriti. Parallelamente, la società aveva espresso la necessità di ridurre i costi di funzionamento dell’impianto senza tuttavia alterarne le prestazioni e la qualità di prodotto. Cormac spiega che questa nuova generazione di impianti a ridotto impatto energetico è nata per soddisfare le richieste di versatilità, qualità e soluzioni ecologiche. Per definizione, la produzione di conglomerato è un processo che richiede molta energia; a tal fine – per minimizzare i consumi a tutti gli stadi del processo e risparmiare energia – il Top Tower sfrutta una combinazione di design innovativo e coibentazione ottimizzata. Cormac sostiene che questo concetto di design può garantire un risparmio energetico oltre il 15%, mentre le proprie cisterne bitume permettono risparmi fino al 50% rispetto ai design tradizionali. Tutto ciò consente di ridurre le necessità di potenza installata.

Il Design dell’Impianto

Il design dell’impianto è estremamente compatto e i componenti principali sono trasportati in cantiere in formato modulare pre-assemblato, riducendo così i tempi di montaggio. Il Top Tower è tecnicamente compatibile con qualsiasi tipo di conglomerato, a caldo, tiepido e a bassa energia. A seconda del tipo di layout richiesto per lo stoccaggio del conglomerato caldo, l’impianto può essere configurato con deposito sotto mescolatore o a lato. E’ dotato inoltre di tramoggia di raccolta sotto filtro per i fini di recupero e di conseguenza anche il circuito dei fini di recupero è stato ottimizzato. Il design brevettato del vaglio e il doppio accesso diretto facilitano la sostituzione rapida e semplice delle reti, mentre la torre di mescolazione multi-funzionale, presenta facilità di accesso e ampie portine di carico che facilitano lo svuotamento di aggregati, filler e bitume per gravità. Questo agevola anche l’introduzione di additivi in sacchi, materiali riciclati e bitume schiumato. Il bruciatore principale, progettato per ridurre le emissioni di CO2 e ottimizzare i consumi energetici, può essere predisposto per lavorare con olio denso, gasolio, gas naturale o polvere di lignite, mentre il tamburo essiccatore stesso beneficia di un efficiente processo di recupero del calore, riconvogliando il calore disperso nel processo per ridurre ulteriormente i consumi del bruciatore. Il bitume necessita per natura di essere trasportato e stoccato a temperature elevate. Di conseguenza, le cisterne possono risultare enormi radiatori e se non opportunamente coibentate, sciupano energia contribuendo, in piccola parte, al riscaldamento globale. Cormac è riuscita a ridurre in maniera incisiva le perdite di calore dall’interno cisterna al rivestimento esterno, il chè minimizza la quantità di energia necessaria per mantenere il bitume ad una temperatura di stoccaggio ottimale. Il nuovo design delle cisterne prevede una combinazione di materiali tradizionali per la coibentazione e uno speciale rivestimento termico riflettente. Insieme permettono notevoli risparmi energetici rispetto alle cisterne tradizionali, con un’economia di energia oltre il 50%. Per ridurre ulteriormente i consumi energetici, le cisterne sono provviste di sistemi di riscaldamento progressivo, multi-stadio, che mantengono la temperatura del bitume entro un intervallo preimpostato. Il direttore di Cormac, Steve Corbett, è molto ottimista sulle nuove potenzialità della sua società. “Il design MARINI rappresenta l’ultima innovazione in materia di impianti compatti. Con la nostra esperienza nel campo dell’implementazione impiantistica e del design di cisterne, siamo ora in grado di offrire ai nostri clienti impianti redditizi e ad alto rendimento con produzioni da 60 a 300 ton/h. I temi ambiente e sicurezza sono di estrema importanza nei nostri impianti. I nostri bruciatori ottimizzati riducono le emissioni di CO2, mentre speciali filtri posizionati in punti strategici dell’impianto assicurano che la polvere o le particelle non siano rilasciate in atmosfera. Le cisterne bitume sono equipaggiate con sistema di sicurezza affidabile e conforme all’ RBA (Refined Bitumen Association), per prevenire eventuali trabocchi o perdite. Questo sistema permette di controllare a terra regolarmente i componenti critici prima di ciascun riempimento.”

Vuoi saperne di più?

Se hai piacere di approfondire questi temi chiamaci al +39 0544 88111 oppure permetti a noi di ricontattarti compilando il form:

Il tuo nome (richiesto)

Azienda (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo telefono (richiesto)

Informazioni aggiuntive

Ai sensi del d.lgs. n. 196/2003 la informiamo che i dati personali che ha appena inserito saranno trattati nel pieno rispetto di tale legge. Selezionando "Acconsento" esprime il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali da parte di Marini - Fayat Group.